Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - PERSONAGGI
PERSONAGGI
Quadro generale
Testi rivisti e parzialmente aggiornati dall'autore; si rinvia al volume per le illustrazioni, tabelle e documenti, note cartografiche e bibliografiche (di quest'ultime si mantengono i riferimenti per una prossima ristrutturazione

Don Gaetano Tantalo

 
 
Il Botanico Loreto Grande
Un patrimonio culturale e storico, sarebbe parzialmente descritto, se non fosse integrato dal rilievo di alcune fra le più significative figure del luogo. Quest’ultimo compito, Però, non si presenta facile, ne può rientrare nella logica della trattazione storica una indagine esaustiva di tutti i personaggi, che, mediante funzioni private o pubbliche, abbiano assolto un ruolo importante nello sviluppo di Villavallelonga. Tutti, più o meno, sono citati nel testo in relazione agli argomenti che direttamente vengono a contatto con le loro azioni e funzioni (sindaci, parroci, decurioni, combattenti, patrioti, ecc.). 
Ad esempio, ciò sarebbe stato possibile per Don Eliseo Bianchi (n. 28-12.1825 m. 22-2-1894), il quale può essere annoverato fra i sacerdoti del luogo più operosi nell’assolvere i compiti che gli derivavano dal suo Canonicato. Un sacerdote « di costumi integri, caro a tutti e stimatissimo », che ha ricoperto la carica di Presidente della Congregazione di Carità (1). 
 
Nella « Storia dei Bianchi », che egli ha manoscritto raccogliendo molte notizie del suo gruppo familiare, e segnato l’epitaffio che dice esattamente così: « Più che fortuna gli fu benigna natura / che a Lui diede ingegno solerte / E saldo volere. / Amico leale, utile cittàdino/ Sacerdote non tepido. / Si riposo nel Signore / Tra il compianto dei Suoi e della Patria ». Un’altra menzione viene suggerita da Don Domenico Giancursio (n. 18.12.1884 m. 28.9.1958), il quale ha svolto le funzioni di parroco del luogo per metà secolo (1908-1958), contribuendo a vivificare lo spirito religioso della popolazione chiamata ad un impegno morale e spirituale tra i più rilevanti. R ricordato come « sacerdote dalla fede antica, guida paziente e al capezzale dei malati, confortatore pronto e delicato » (2). 
 
Egli ottenne la erezione canonica del Terzo Ordine Francescano, di cui fu Presidente, dal 1944, ed ha il grande merito della attenta e preziosa compilazione di tutti gli indici allegati ai libri parrocchiali, antichi e recenti, che lesse in ogni riga, annotando, con certosino rigore, Ogni iscrizione (2 bis). Questa introduzione concerne invece le due figure del luogo che vengono descritte con apposite analisi, nell’intento di far conoscere la loro biografia e di segnalare l’eccezionalità della loro esistenza. A tal fine l’indagine e appunto ristretta alla figura e all’opera di Loreto Grande e di Gaetano Tantalo, tanto diversi, ma incredibilmente legati l’uno all’altro, che testimoniano i due grandi valori di Villavallelonga: la natura e la tradizione religiosa, che si ritrovano, rispettivamente, nell’esimio botanico e nell’insigne sacerdote. 
 
L’esistenza dell’uno contiene quella dell’altro; 87 anni il primo, soltanto 42 il secondo; un carattere volitivo e individualista Loreto e un temperamento spirituale e cristiano quello di Gaetano. Entrambi così diversi, ma vicini, per cui e agevole ritenere che la conoscenza delle loro figure può essere non soltanto gradita, ma anche educativa, potendo aprirci un campo di esperienze e di fatti, con i quali abbiamo tutti il dovere di confrontarci per trarne il migliore insegnamento possibile.
 

Tratto dal libro "Storia di Villavallelongadel prof. Leucio Palozzi
 

 

Sei in: - PERSONAGGI

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright