Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 
Sei in: - USI E COSTUMI - La Panarda

La Panarda
Testi di Maria Concetta Nicolai
Con il nome di panarda si indica, specialmente nell’Aquilano, un rituale collettivo di consumo del cibo. Spesso il banchetto è ad impostazione devozionale ed è allestito in precise ricorrenze del calendario religioso popolare. L’origine del vocabolo è piuttosto oscura, ma Ernesto Giammarco trova che il termine riconduca alla radice indoeuropea pan intesa nel senso di abbondanza, tutto (1). 
 
A Villavallelonga, Capistrello, Pietrasecca, Carsoli, Pereto la tradizione è rinnovata in onore di Sant’Antonio abate; a Luco dei Marsi e organizzata dal primo Signore della Compagnia dello Spirito Santo per la festività di Pentecoste, a Goriano Sicoli la Confraternita di Santa Gemma la prepara per rifocillare i pellegrini di Bisegna, paese che, a sua volta, la ripete nella vigilia di San Sebastiano ad agosto per San Domenico Abate (2). Panarda, almeno nella forma più elementare e ridotta, può essere considerato il pranzo rituale che le coppie degli sposi consumano sul prati circostanti la chiesa di Santa Scolastica, il 12 febbraio a Corropoli. Al di fuori della sfera sacrale la panarda e un pranzo solenne, come a Scanno dove apre i festeggiamenti nuziali (3), o a Paganica dove in passato era indetta dalle famiglie signorili del luogo per solennizzare avvenimenti pubblici e di interesse sociale. Principi e schemi analoghi a quelli della panarda si riscontrano anche in altri sistemi di consumo e ridistribuzione alimentare: le cene di san Giuseppe, ancora praticate, seppure sporadicamente in Val di Sangro, ed assai più comuni in Molise, in Puglia ed in Sicilia rispondono allo stesso criterio per il quale il cibo, messo in relazione con la divinità assume valori e connotazioni che superano il dato materiale (4).
 
L’aspetto più spettacolare della panarda, almeno attualmente, sta nella quantità delle portate che possono superare anche il numero di cinquanta e nella etichetta che impone ai commensali di onorare la tavola, consumando tutte le vivande allestite. Si narra che in passato, specie in quei casi in cui la cerimonia aveva carattere civile, esistesse la figura del guardino della panarda che, armato di schioppo, impediva agli ospiti di 1asciare a meta l’impresa, cosi come i racconti popolari tramandano la memoria di epici colpi di cannone, sparati ad ogni portata affinché tutti si potessero rendere conto della solennità e della abbondanza del banchetto (5). In tutti i casi pero il consumo rituale del cibo e associato ad una occasione celebrativa e festiva ed il fatto potrebbe indurre ad ipotizzare la sopravvivenza, del resto individuabile in molte altre zone centro meridionali, di antichi, quanto disgregati residui cultuali di cerimonie di rinnovamento e rifondazione agraria, del tipo dei lectisternia (6), basati su un rapporto di riconciliazione con la divinità. L’ipotesi, per quanto suggestiva e verosimile, almeno a livello dei contenuti, non trova pero seri motivi li riscontrò documentale che riescano a risalire oltre il processo di formazione delle confraternite laicali e della riformulazione della drammaturgia medioevale, a cui cocrentemente si riferisce l’assetto cerimoniale e formale di simili espressioni religiose. 
 
E’ anche il caso di sottolineare, sia pure marginalmente, che il consumo eccessivo del cibo sembra assumere in Abruzzo, in generale, e nella Marsica, in particolare, un valore fortemente simbolico e rituale, anche in occasioni più generiche. Edward Lear, ospite a Trasacco della famiglia De Gasperis, annota: ”il pranzo non aveva mai fine e poiché i nostri piatti erano riempiti in continuazione, c’era seriamente da temere un colpo d’apoplessia. I maccheroni, una parola usata in Abruzzo per indicare lunghe strisce di pasta, in estate condita generalmente con pomodoro, furono la cosa che meno potemmo rifiutare, e fin dal giorno di San Beniamino non si vide trangugiare tanta roba quanta noi ne mandammo giù a gran fatica. Bisogna mangiare! E un piatto nazionale! Esclamavano i sei fratelli se indugiavamo di fronte al compito che ci toccava. Non possiamo più, dicevamo noi. Ed essi: Mangiate, mangiate, sempre mangiate”.(7) 
 
Angelo Melchiorre, esaminando la panarda come espressione cerimoniale, traccia una precisa mappa di riferimenti geografici e storici che evidenziano il fondamento del rito più nel consumo collettivo e pubblico del cibo, che nella varietà e nella abbondanza delle vivande che forse all’origine si riducevano a una minestra di legumi e poche altre semplici pietanze, ”una modestissima cena offerta dalla popolazione di Luco dei Marsi ai preti forestieri che si recavano a predicare nel loro paese, ma che ben presto dovette diventare tutt’altro che modesta”, anzi un vero e proprio banchetto orgiastico ”con ubriachezze et altre indecenze, et eccesso de’ secolari dell’uno e dell’altro sesso, non senza scandalo e offesa di Dio”.(8) Attualmente a Villavallelonga la panarda presenta una notevole e forse anche discutibile varietà di cibi che in qualche caso hanno perso i caratteri della gastronomia tradizionale e contadina e si sono del tutto uniformati al gusto della alimentazione borghese e cittadina. 
 
Del tutto assenti, sia a livello di coscienza individuale che di consapevolezza di gruppo, sono gli atteggiamenti di rottura della morale abituale e degli schemi di riferimento uomo donna nella sfera erotico-sessuale, come ormai perduto e il principio della esibizione e della ridistribuzione dei beni alimentari. Questo ha subito nel tempo una modificazione delle logiche e delle ragioni in cui non si coglie più la posizione dualistica di una classe detentrice del potere economico in contrapposizione con un’altra subalterna e più debole, ma piuttosto l’idea di celebrazione comunitaria e consumo collettivo e devozionale del cibo, 24 con forti permanenze magico-sacrali da cui si dirama una serie di norme comportamentali e di etichette (9).


NOTE
 
 
1 Ernesto Giammarco, Dizionario etimologico abruzzese e molisano, edizioni dell’Ateneo, Roma 1976, ad vocem. 
2 Per la letteratura in argomento rimando a: Antonio De Nino, usi e costumi abruzzesi, vol. I, Barbera, Firenze 1881, ed, moderna, collana I tascabili d’Abruzzo, Adelmo Polla, Cerchio 1990. Alfonso Maria Di Nola, Gli aspetti magico-religiosi di una cultura subalterna italiana, Boringhieri, Torino 1976. Luigi Palozzi, Storia di Villavallelonga, Roma 1982. Angelo Melchiorre, Tradizioni popolavi della Marsica, edizione dell’Urbe, Roma 1985. Emiliano Giancristofaro, La panarda, in ”Rivista Abruzzese”, anno XXXIV, n. 2, Lanciano 1993, pp. 123-125. 
3 Marco Notarmuzi, Eustacchio e Tecanera, Edigrafital Teramo 1993. 
4 Al riguardo si veda Fatima Gianlombardo, Festa, orgia e società, Flaccovio editore, Palermo 1990. 
5 Emiliano Giancristofaro e Franco Cercone, prolusione in occasione del Convegno sulla Panarda, tenutosi il 25 novembre 1994 a Villa Santa Maria di Chieti, presso l’Istituto professionale alberghiero. 
6 Sull’argomento si vedano: Renato Del Ponte, Dei e miti italici, ECIG, Genova 1988 e Giacomo Devoto, Gli antichi italici, Einaudi, Torino 1967. 
7 Edward Lear, Illustrated excursions in ltaly, London 1816, ed. Italiana a cura di Barbara Di Benedetto Avallone, Viaggio illustrato nei tre Abruzzi, Sulmona 1978.
8 Così si esprime un editto conservato presso l’Archivio diocesano di Avezzano, emesso nel 1705 dal Vescovo dei Marsi, a cui farà seguito, sessantacinque anni dopo, un Reale dispaccio di Ferdinando IV re di Napoli, il quale, tra l’altro, proibisce, sotto gravi pene, ai preti di intervenire a simili baccanali”. La notizia e tratta da un documento conservato presso l’Archivio diocesano di Avezzano, fondo C, alla voce Villavallelonga. Da Angelo Melchiorre, op, cit.
9 Per l’argomento si rimanda a Vittorio Lanternari, La grande festa. Vita rituale e sistemi di produzione nelle società tradizionali, Bari 1976.
 
La Panarda
 
 
Sei in: - USI E COSTUMI - La Panarda

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright